• Olbia
  • Laguna di Orbetello
  • Porto Santo Stefano
  • Maremma
  • Arco di Cala Sisine
  • Cala luna
  • Laguna di Orbetello
  • Uomini e balene - Foto di U. Giannecchini (Carnevale di Viareggio 2019)
  • Santa Teresa di Gallura
  • Parco Regionale della Maremma: canale di bonifica
  • Talamone
  • Isola di Pianosa
  • Camogli
  • Vitelli maremmani
  • Golfo di Orosei
  • Porto Venere e la costa nord
  • Lerici
  • Bocca d'Arno
  • Castelsardo
  • Kite surf a Principina
  • Marina di Vecchiano
  • Il faro di Capo Testa
  • Orbetello e la Spagna
  • Camogli
  • Talamone
  • Manarola
  • Laguna di Orbetello
  • Talamone
  • Isola d’Elba
  • Cala Goloritzè
  • Alla fonda
  • Rosignano
  • Bocca d’Ombrone
  • Bocca d’Ombrone
  • Nel santuario dei cetacei (g.c. F. Dubois)
  • Bocca di Serchio
  • La foce del fiume Albegna
  • La costa a Gonone
  • Le Formiche di Grosseto
  • Le fortificazioni di Orbetello
  • Bocca di Serchio
  • Stintino
  • Cala Mariolu
  • Capo Testa
  • Casello idraulico del Fiume Ombrone
  • Nuraghe Mannu
  • Maremma
  • Supramonte
  • Talamone: dal faro
  • Isola d’Elba. Capo d’Enfola
  • Fornace per anfore romane. Albinia
  • Istmo di Capo Testa
  • Isola d’Elba. La tonnara dell’Enfola
  • Camogli
  • Punta Calamita
  • Parco Regionale della Maremma
  • I “tesi” ad asciugare. Laguna di Orbetello
  • Nei pressi del Nuraghe Mannu
  • Il Duomo di Genova
  • La marina di Camogli
  • Capo Focardo

Tartamare ed il Rotary Club di Grosseto

Di Antonio Ludovico

Ad onta del suo aspetto di creatura dotata di un robusto ed inattaccabile apparato difensivo capace di proteggerla da ogni possibile aggressione nemica, la tartaruga marina è una delle specie animali più esposte al rischio di estinzione. Il cosiddetto ”antropocene” potrebbe risultare infatti, per questo reale fossile vivente, il destino finale che ha saputo o potuto evitare nei precedenti estesi e profondi periodi e fenomeni di estinzione animale di massa. È infatti la pervasiva espansione del ruolo umano, anche nell’ambiente marino, la causa delle difficoltà di sopravvivenza di questo organismo.

Tra queste cause di mortalità quella di certo prevalente è la cattura accidentale da parte dei pescatori e, molto più devastante, l’incontro con attrezzi da pesca abbandonati in mare come cavi, cime, reti ed ami. Questo tipo di insidia che in gergo si chiama “by-catch” raramente lascia scampo agli animali le spoglie dei quali sono destinate prevalentemente a rimanere in acqua.

L’enorme e progressiva incidenza del traffico marittimo, specialmente motorizzato, indotto anche dalla nautica da diporto, costituisce una ulteriore origine dell’elevato tasso di mortalità: le ferite provocate dalle eliche dei natanti non si risanano che di rado per via naturale a causa dello specifico metabolismo e delle caratteristiche della temperatura e circolazione sanguigna. I risultati di tali incontri sono spesso ritrovati sulle spiagge sulle quali si abbandonano, per morire, individui non più in grado di nuotare.

Continua a leggere »

I forum

  •  

  •  

  •  

  •  

  •  

  •  

  •  

  •  

Seguici su



Contatti

E-Mail: